• 23 novembre 2017

Serve una autentica “volata”

Serve una autentica “volata”

650 340 PGI

Appello ai senatori ed alle senatrici  per l’approvazione al Senato della legge per la mobilità ciclistica

Dichiarazione di Anna Donati, Portavoce Alleanza Mobilità Dolce

Il 14 novembre è stata approvata all’unanimità la legge per la mobilità ciclistica alla Camera, che punta all’uso della bicicletta come mezzo di trasporto per l’uso quotidiano che per le attività turistiche e ricreative.

L’iter di discussione è stato lungo e l’approvazione è stata irta di ostacoli e grazie alla tenacia e passione del relatore, on. Paolo Gandolfi, si è arrivati in porto con la sua approvazione in un ramo del Parlamento. Prevede il Piano Generale della mobilità ciclistica, la costituzione della rete ciclabile nazionale, i piani regionali ed il biciclan da parte dei comuni, definisce la rete cicloviaria, incluse le strade senza traffico ed a basso traffico su cui pedalare. Infine mette a sistema le risorse destinate dalle leggi Finanziarie 2016 e 2017.

Purtroppo la legge ha subito un pretestuoso parere negativo dal Ministero per l’Economia e Finanze, che ha costretto a ridimensionare le giuste ambizioni della legge con molti tagli (tra questi la Direzione al MIT per la mobilità ciclistica) e ha cancellato tutti gli emendamenti per la mobilità dolce presentati dai deputati Busto e Realacci, che integravano la mobilità ciclistica con i cammini e le ferrovie turistiche.

Questa legge è senza dubbio il risultato di anni di impegno della associazioni a partire da FIAB, Legambiente, ARI Randonneur, Salvaiciclisti, la Rete per la Mobilità Nuova e l’Alleanza per la Mobilità Dolce. Adesso il testo passa al Senato per la sua approvazione definitiva: la fine della legislatura imminente ed i tanti “nemici” occulti della bicicletta” sono in agguato. Facciamo un appello ai senatori e senatrici: serve una autentica “volata” per approvare il testo senza modifiche ed avere una legge di autentica promozione della mobilità ciclistica nel nostro Belpaese!

Scarica il comunicato