• 11 settembre 2017

Approvata la Legge per le ferrovie turistiche!

Approvata la Legge per le ferrovie turistiche!

312 200 mobilita.dolce

La soddisfazione della nuova Alleanza per la Mobilità Dolce e delle associazioni per le Ferrovie Turistiche.

Oggi 2 agosto 2017, il Senato della Repubblica, ha approvato nella Commissione Trasporti la nuova legge per lo sviluppo e tutela delle ferrovie turistiche – in sede deliberante e senza modifiche – che in questo modo è finalmente diventa Legge dello Stato. Grande soddisfazione hanno espresso le Associazione Ferrovie Turistiche, la Federazione Italiana delle ferrovie turistiche e museali, e la nuova Alleanza per la Mobilità Dolce, che da anni si sono impegnate per questo importante risultato! E che adesso vigileranno per la sua rapida attuazione e lo sviluppo dei treni e servizi turistici nel nostro Belpaese.

La discussione sul Progetto di Legge n. 2670 “Disposizioni per l’istituzione di   ferrovie turistiche mediante il reimpiego di linee in disuso o in corso di dismissione situate in aree di particolare pregio naturalistico o archeologico” era partita al Senato a febbraio 2017 dopo l’approvazione alla Camera.

Infatti Il testo era arrivato dalla Camera dei Deputati dove a fine gennaio 2017 era stato approvato all’unanimità dall’Aula, dopo un intenso lavoro che era stato svolto nella Commissione Trasporti, con audizioni, il confronto ed animate discussioni. Il testo era partito da un Progetto di Legge della deputata Iacono e la relatrice del provvedimento è stata la deputata Mura che si è molto impegnata per far uscire un testo adeguato per lo sviluppo delle ferrovie turistiche. Ma il sostegno e l’impegno è stato davvero corale e trasversale a questo provvedimento va rammentato.

Va ricordato che questo testo si occupa esclusivamente dello sviluppo delle ferrovie turistiche, ma in Parlamento sono in discussione altri due provvedimenti altrettanto importanti e che si integrano con questo. Uno è il PdL per la mobilità dolce che si occupa di cammini, greenways, piani integrati di mobilità dolce ed è in approvazione alla Commissione Ambiente e Territorio della Camera dei Deputati. Alla Commissione Trasporti è invece in discussione il Pdl sulla mobilità ciclistica. Insieme questi tre provvedimenti sono i tre pilastri per lo sviluppo della mobilità dolce in Italia.

La Federazione delle Ferrovie Turistiche e Museali insieme alla Alleanza per la Mobilità Dolce hanno seguito insieme l’iter di questo provvedimento sulle ferrovie turistiche e ritengono il testo approvato dalla Camera un testo utile. Certo non mancano le criticità, come il ruolo troppo debole delle associazioni di volontariato, una precisa indicazione ad ANSF perché predisponga un regolamento agile per l’esercizio ferroviario turistico, le risorse che devo essere ritrovate nel Contratto di Programma di RFI-FS per gli investimenti e non sarà facile.

Certamente positiva è la prima lista già contenuta nel testo di 18 linee ferroviarie sospese o dismesse dal nord al sud del paese da trasformare in ferrovie turistiche, a cui altre ovviamente si potranno e dovranno aggiungere. Altro elemento di novità è l’introduzione del ferrociclo (il velorail italiano) tra gli articoli del testo come una possibilità da avviare e regolare.

Al Senato la discussione in Commissione si era avviata con la relazione della senatrice Laura Cantini, che è stata nominata la relatrice del provvedimento. Dato questo molto positivo perché la sen. Cantini è attenta al mondo delle ferrovie turistiche ed aveva già presentato un proprio provvedimento sulle ferrovie turistiche e la mobilità dolce.

L’articolato si occupa di linee e servizi turistici, del materiale rotabile storico idoneo per circolare,
delle stazioni  e le relative opere d’arte e pertinenze che restano nella disponibilità dei  soggetti proprietari o concessionari, che sono responsabili del mantenimento  in esercizio, nonché della manutenzione, della funzionalità e della  sicurezza.
L’articolo 5 detta le norme per l’affidamento dei servizi di trasporto  turistico e di tutte le attività commerciali connesse da parte delle  amministrazioni competenti mentre l’articolo 6 demanda la definizione dei livelli di sicurezza che devono  essere garantiti per la circolazione dei rotabili storici e turistici e dei  rotabili ordinari sulle tratte turistiche all’Agenzia nazionale per la  sicurezza delle ferrovie. Altri articoli riguardano i soggetti che hanno in gestione i servizi di trasporto turistico e le attività commerciali, nonchè la necessaria integrazione delle iniziative turistico-ricreative con la promozione e valorizzazione del territorio svolte dagli enti locali interessati.

Diversi mesi sono stati impegnati, dopo la discussione in Commissione, per l’espressione dei pareri previsti dal regolamento del Senato, in particolare quello della Commissione Bilancio, che ha voluto approfondire insieme al MEF ed alla Ragioneria gli aspetti di copertura finanziaria. Dopo diversi mesi è finalmente arrivato il parere positivo. La Commissione Trasporti aveva già deciso la sede deliberante, e cioè con il sostegno di tutti i gruppi politici è stato deciso che la legge si approverà direttamente in commissione in sede legislativa senza il passaggio in Aula. Una procedura speciale che si adotta solo se c’è l’intesa ed il consenso di tutte le forze politiche e che ha portato oggi alla definitiva approvazione della legge.

Adesso il testo dovrà essere pubblicato in Gazzetta ufficiale per diventare una Legge dello Stato e questo avverrà nelle prossime settimane.

Come Alleanza per la Mobilità Dolce insieme alla Federazione Italiana ferrovie turistiche e museali continueremo a seguire l’attuazione della norma perché il lavoro da fare è notevole. Ma finalmente un passo in avanti verso treno dei desideri è stato deciso anche in Italia!

2 agosto 2017

 

Si allega il testo approvato

Se volete saperne di più potete leggere dal sito del Senato a questo link:

http://www.senato.it/leg/17/BGT/Schede/Ddliter/comm/47626_comm.htm